Claudio Tozzi (a destra) assieme al Prof. Thierry Hertoghe, uno dei più grandi endocrinologi del mondo durante la sua lezione a Roma per la scuola per personal trainer  BIIOSystem 

 

1) Claudio sono 12 anni che il tuo libro è il più venduto nel settore. Allora il tuo sistema funziona?
Si, funziona. Certo, io dovrei essere il meno indicato a parlarne, visto che sono l’autore del sistema, ma per questo vorrei far parlare le cifre e i fatti. Quando ho consegnato il manoscritto all’ editore, (nell’ ormai lontano 2001), sapevo di aver scritto un buon testo, ma mai avrei pensato che sarebbe stato primo in classifica nel settore per 12 anni consecutivi, ristampato 11 volte, insegnato all’ Università, oggetto di studi scientifici e decine di tesi, praticato da più di 60.000 persone, da squadre neopromosse in serie A e B di calcio, pallavolo, basket, windsurf, atletica leggera, kick boxing, Muay thay….oggetto di migliaia di feroci discussioni su internet  e ormai il più diffuso metodo italiano nelle palestre.

Se non funzionasse, allora saremmo di fronte al più collossale di allucinazione collettiva nel mondo del fitness. Del resto non è mai stato pubblicizzato nè in Tv, nè alla radio, nè nei giornali, ma solo in riviste di settore e ha solo funzionato tantissimo il passaparola, che, da che mondo e mondo, parte solo quando una cosa funziona sul serio. Ma ancora non mi basta, perchè l’obiettivo è, senza mezzi termini, che il BIIOSystem® sia ancora più diffuso, tanto che sono in preparazione le edizioni in spagnolo e inglese, della federazione che presiedo, la scuola per personal trainer BIIOSystem®.

 

2) Ma in cosa si differenzia il B.I.I.O. rispetto agli altri sistemi di allenamento?

Vorrei dire che è  diverso ma non sarebbe vero; è semplicemente tutto l’opposto di quasi tutti gli altri metodi esistenti. Ma non sono partito per fare a tutti costi l’originale, fin dall’inizio sono stato un istruttore, poi un preparatore e personal trainer, mestieri in cui l’unico obiettivo  possibile è ottenere il massimo risultato possibile per i propri atleti e non depositare un invenzione all’ ufficio brevetti. Sono partito quindi nella costruzione di un pacchetto allenamento/alimentazione/integrazione che potesse essere valido per raggiungere la maggior forza/massa muscolare possibile, il minor livello di grasso corporeo, il massimo livello di efficienza e salute possibili, tutto questo senza utilizzare farmaci dopanti.

Tutto l’ ambiente del bodybuilding di allora (e anche quello di adesso…) dicevano che era impossibile senza infilzarsi l’ ago nei glutei, ma io ci ho provato lo stesso, anche perchè dare retta a questi personaggi che diventavano campioni solo dopo aver ingoiato decine di pillole e sparato siringhe nei glutei come freccette, non era proprio il caso. In pratica decisi di allenare solo atleti natural e, piano piano, scoprii che non avendo il surplus ormonale artificiale, le persone hanno possono allenarsi solo poche volte a settimana, al massimo due-tre e non superare l’ora di allenamento per ottenere risultati ottimali.  Se invece vai a leggere le schede che danno  in palestra ancora oggi e che sono sulle riviste (anche quelle che dicono di essere natural) sono assolutamente folli, arrivano anche a 3 ore al giorno tutti i giorni, proprio perchè nella maggior parte dei casi divulgate da finti campioni “testosteronici” .  Ma i campioni de  “Mi inietto l’ impossibile” devono fare per forza molte serie, in quanto devono utilizzare tutta l’ insulina che assumono per aumentare la massa muscolare. Ma se una persona normale prova a fare quel carico di lavoro abbandonerà ben presto per assoluta mancanza di risultati, cosa che il BIIOSystem® si evita perchè frutta al massimo tutto il potenziale ormonale naturale della persona.

3) Io, come molti, ho divorato il tuo libro, e credo che alla fine quello che emerge, e che per ottenere un fisico migliore non è necessario rinunciare a tutto, e dedicarsi solo alla palestra tutti i giorni..che quella è la strada non solo dell’insuccesso, ma anche quella che porta più facilmente al doping. E’ giusto?

Certamente, la maggior delle persone pensa che per ottenere risultati bisogna fare una vita orrenda, passata tra diete, rinunce e allenamenti massacranti. Quindi chi ci prova dopo un pò non vede risultati e si trova davanti a due vie: smettere oppure arrivare al “compromesso”, cioè prendere farmaci doping. Il BIIOSystem® invece ha creato una terza via, che prima praticamente non c’era, perchè invece di studiare molti  preparatori erano (e sono) dediti a consigliare steroidi e magari anche spacciarli. Altri istruttori  invece sono, da un certo punto di visto, anche peggio; non consigliano farmaci doping, nè li spacciano, ma somministrano acriticamente allenamenti senza senso e diete allucinanti, senza pensare che senza “aiutini” condannano al massacro la maggior parte dei loro allievi ed alcuni li portano anche al doping.

4) Vedo molte donne che seguono il tuo allenamento….è una controtendenza…donne che sollevano pesi e che riescono ad essere estremamente femminili, anzi a migliorare il loro corpo, meglio rispetto ad aerobica…
Effettivamente il mio allenamento sembra avere successo nelle donne. All’ inizio della mia attività non avevo una buona opinione delle donne in palestra, le vedevo pigre e poco motivate. In realtà avevano (e hanno) ragione, perchè quello poche volte che riescono ad entrare in un sala pesi, magari passando il vetero filtro culturale per cui le donne non devono fare pesi perchè rendono poco femminili, vengono poi stroncate definitamente dai ridicoli pesetti colorati e i centinaia di addutori/abduttori: fanno bene a smettere! Infatti non hanno il benchè minimo  risultato e passano alle lezioni delle sale fitness, che perlopiù non modificano minimamente il fisico, ma almeno si divertono e scaricano lo stress a livello mentale.

 

Con la mia filosofia di allenamento, tutta basata sugli esercizi base come stacco e squat, vedono da subito cambiare in modo veloce, drastico e dannatamente femminile il loro corpo, sopratutto nei loro punti preferiti,  come il fondoschiena. Questo perchè il gluteo è il muscolo più potente del corpo umano che gli indegni esercizi al cavo o le centinaiai abduzioni laterali a terra non riusciranno mai a sollecitare adeguatamente, come lo squat o lo stacco pesante.  Tutte le atlete che ho portato in gara avevo come punto di forza proprio i glutei, mentre la maggioranza delle altre concorrenti, sfiancate da  migliaia di cavi, cavini e cavetti, lo avevano praticamente piatto e svuotato. Le bodybuilder professioniste lo hanno invece bello sodo semplicemente perchè la maggioranza di loro si iniettiano gli ormoni anabolizzanti proprio nel fondo schiena, con un maggior effetto locale.

 

 

5) Il tuo sistema di allenamento sta avendo successo addirittura all’estero.
A gennaio del 2009 ho tenuto il primo seminario estero, precisamente a Palma De Maiorca (Spagna) , con la partecipazione di  più di 80 persone venute da tutta l’ isola.  Il successo dell’ iniziativa mi ha spinto ad tradurre il libro in spagnolo ed è adesso disponibile anche su Amazon e Lulu.com

 

 

6) Ricordo ancora la puntata del “BIVIO”, dove davanti a una platea tutta contro di te, hai avuto il coraggio di parlare di doping…come hai fatto a uscire vivo dagli studi di Italia 1?
Pensa che prima di quella di quella trasmissione avevo ancora due-tre body builder che mi salutavano, dopo non ne è rimasto più nemmeno uno!  Avranno preso a male il fatto che ho detto a Ruggeri (il conduttore della trasmissione) che si iniettano di tutto, mentre in realtà si iniettano veramente di tutto? Tutto lo studio Mediaset era decisamente sfavorevole; occhiatacce da parte dell’ ospite body builder, tutta la platea attorno a me era composta da soci della sua palestra venuti in autobus da Venezia e prima della trasmissione un suo amico si avvicina per dirmi se potevo cortesemente evitare l’ argomento doping.

Perfino Ruggeri difendeva la body builder;  insomma un bell’ ambientino!  Ma io dico; se vuoi fare una trasmissione in ginocchio per esaltare questa ragazza, perchè invitare a me?  Presiedo la Natural Body Building Federation, mica l’Associazione Nazionale Spacciatori di Testosterone, cosa volete che dica in trasmissione dove si parla di body building agonistico?  Infatti dopo devono averlo capito, perchè l’ anno dopo in una trasmissione simile (ospite Gariboldi) non mi hanno chiamato…. Per fortuna che c’era il buon Guido Meda (sì, il telecronista della MotoGP…) che gli ne ha dette quattro e non si è fatto prendere in giro. Queste trasmissioni, secondo, non andrebbero fatte, in quanto si fà passare il messaggi ai giovani che basta allenarsi per arrivare a quelle massa muscolari, e per la maggior parte non è esattamente così, facendo illudere molte delle due milioni di persone che hanno guardato il programma.

 

7) Il tuo allenamento si basa su esercizi multiarticolari, su pesi liberi, power rack e trap/quadra bar. Ma chi si vuole allenare seriamente trova delle serie difficoltà a trovare a sufficienza questi attrezzi.
Questo perchè la maggioranza delle palestre si fà infinocchiare da alcune ditte produttrici, per cui fanno acquistare magari il tapis roulant alle essenze orientali collegato con Marte o che pensando di aver inventato i cavi che escono dal muro, gli li vendono a migliaia di euro di listino, ( facendogli credere pure che funzionano) ma non attrezzi veri come quelli da te citati. Per questo motivo, ho fatto partire un progetto, chiamato BIIOSystem® POINT, che in pratica sono normali palestre, dove però chi vuole praticare le tecniche del BIIOSystem® o simili, può trovare tutto l’ equipaggiamento completo abbinato a uno o più personal trainer NBBF, al fine di aver un servizio al massimo livello.  Questi centri sono quindi tutti dotati di:
1)    Power-rack, per fare tutti gli esercizi nella massima sicurezza
2)    Trap-quadra-bar, per chi avesse problematiche alla schiena o che volesse diversificare l’ allenamento delle cosce.
3)    Microcarichi da 250 e 500 grammi per incrementare gradualmente i vostro carichi e raggiungere livelli di  forza e massa mai raggiunti.
4)    Personal trainer NBBF, con certificazione ufficiale BIIOSystem®

In questo modo, chi legge il libro può rivolgersi tranquillamente in queste palestre selezionate ed avere la massima assistenza possibile per ottimizzare al meglio la metodologia. Il nostro obiettivo è averne uno almeno per regione e successivamente uno per città.

8) Quello che mi ha sorpreso è il legame che ti lega ai tuoi “lettori” che è rimasto invariato anche dopo che hai deciso di lasciare Olympian’s. Ti contattano sempre via mail, su facebook.

Si, è veramente incredibile l’ affetto con cui tantissima gente mi segue, una stima che mi ha sempre stimolato a dare sempre di più nel mio lavoro, per non deludere mai la fiducia che hanno in me.  Ricevo almeno 15-20 email/messaggi al giorno , su Facebook  mi arrivano almeno 3-4  richieste al giorno di amicizia e sono per questo a più di di 3500 amici e 15000 persone sono aggregate nel gruppo ufficiale BIIOSystem Lifestyle R-evolution, alle Fiere del settore mi fermano decine di persone, per la strada, sul treno, sugli aerei, dappertutto. Poco tempo fà è stato il mio compleanno e su Facebook la bacheca ha avuto circa quattrocento messaggi.

E’ una cosa meravigliosa, ma anche impegnativa e responsabilizzante, perchè non me la sento proprio di deludere tutta questa gente che mi segue e quindi sono costretto a studiare sempre! Ma non tutti la pensano così, in altre riviste (compresa, incredibilmente, la stessa per cui ho scritto per 13 anni) e in alcuni forum del web, sono stato per anni oggetto di una campagna di insulti vergognosa, ma si tratta di pochi soggetti, mediocri, che passavano da un forum ad altro in modo da sembrare di più. Ma è chiaro che io tendo a parlare senza mezzi termini e quindi la cosa può creare una spaccatura  di opinioni, anche se non mi aspettavo di essere paragonato a Wanna Marchi….


9) Com’è nata la collaborazione con la NETINTEGRATORI? Come mai fino ad ora non hai mai collaborato con aziende di integratori italiane?
Sono molto entusiasta di questa collaborazione con questa ditta milanese. Mi stà dando nuovi stimoli, cosa che nel mio lavoro cerco sempre, perchè mi piace cercare sempre migliorare. La Net Integratori mi ha contattato tempo chiedendomi la collaborazione e io chiesi come prima cosa di visitare i loro laboratori. Accettarono subito e mi fecero vedere tutte le loro linee di produzione, macchine da decine di migliaia di euro ognuna di altissimo livello tecnico e con utlizzo delle migliore materie prime disponibili sul mercato.

Due cose mi colpirono subito; il progetto ad ampio respiro e, sopratutto, la competenza, l’umiltà e l’umanità del proprietario della Moldes (la casa madre  della Net) e del suo staff tecnico. Inoltre le formulazioni degli integratori mi sono subito sembrate innovative e originali, non le solite solfe; ho accettato subito la loro collaborazione, non avevo altre possibilità!  In passato ho collaborato con un casa di integratori italiana, avendo anche un buon successo, ma in generale ho sempre rifiutato offerte di case produttrici, anche importanti, semplicemente perchè non credevo nei loro prodotti e/o legavano la loro immagine a atleti decisamente poco natural.

 

 

10) Qual è il ruolo degli integratori nel tuo sistema di allenamento?
Recentemente ho partecipato ad una trasmissione TV sul doping, in cui un giornalista di “Repubblica” mi voleva convincere che gli integratori erano inutili e facevano male… Il bello che lui era in collegamento telefonico dal Giro D’Italia; da che pulpito! Quello che voglio dire è che già ci siamo tagliati le gambe “rinunciando” al doping, se poi vogliamo fare anche i preti e rinunciare ad assumere sostanze assolutamente sicure, che possono aumentare la performance e migliorare anche la nostra salute…. Già il  divario tra i dopati e i natural è già un mezzo abisso, se poi togliamo pure agli integratori, che dire, continuiamo così, facciamoci del male. Sono legali, sono sicuri, sono salubri, non sono doping, permettono un maggiore efficienza, ma perchè non prenderli? Mistero dei giornalisti di “Repubblica”….

11) Non stai fermo neanche un secondo, hai fondato anche una scuola di Personal Trainer che è sempre più frequentata…
E’ sicuramente la parte del mio progetto più impegnativa, anche perchè i corsi si svolgono su due sedi  (Roma e Milano). Ma è assolutamente indispensabile avere una formazione specifica per personal trainer, in quanto solo diplomando tecnici qualificati si può diffondere in modo efficace questa particolare filosofia di allenamento, legata anche al benessere e alla cultura contro il doping. Abbiamo diplomato ormai più di 2000 personal trainer in tutta Italia, con alcuni che hanno fatto delle carriere eccezionali, con decine e decine di clienti tanto da avere la lista di attesa!  Tra questi Tiberio Ancora, collaboratore di Giampiero Ventrone, preparatore atletico del Bari calcio, allenato da Antonio Conte, che quest’ anno è stato promosso in serie A., Roberto Masiello di Roma preparatore atletico del Gallipoli del Principe Giannini neo-promosso in serie B, Giuseppe Dicarlo di Monopoli titolare di un avviata palestra solo per PT e preparatore atletico del campione del mondo di kick-boxing, Cristian Verona preparatore atletico di pallavolo in serie A e tantissimi altri. Ai soli corsi di aggiornamento del 2009 abbiamo avuto più di 250 personal trainer intervenuti da tutta Italia.

12) Quali sono i prossimi appuntamenti della NBBF?
Quelli a breve scadenza sono il 13/14 giugno il Master di aggiornamento BIIOSystem®  a Roma un seminario decisamente interessante perchè vede la partecipazione di alcuni dei Personal Trainer NBBF sopracitati che relazioneranno sulla programmazione utliizzate nei loro successi nei vari sport.  Un  appuntamento assolutamente da non perdere, in quanto il mondo della preparazione atletica, dopo quello del Body building, potrebbe essere rivoluzionato dall’ indroduzione del BIIOSystem®. Nella stagione 2009-2010 sono poi in programma i corsi di Roma Standard e Advanced , Milano Advanced, due corsi di aggiornamento e poi il grande appuntamento 2010: il primo corso in Spagna!


13) Infine due domande devono assolutamente far parte di  un’ intervista che si rispetti: quale musica e tipo di film preferisci?!
Musica? Dunque…vediamo…ma perchè non esiste solo l’ Heavy Metal?!  Eppure pensavo che fosse la sola… Ho gareggiato nel 1993 con Metropolis dei Dream Theater come sottofondo per la routine di pose e ho scritto il libro con in cuffia sempre Dream Theater, Ozzy Osbourne, Rush, Ratt, Alter Bridge, Iron Maiden, Blind Guardian, Paradise Lost, Elegy e Stratovarius. Per quanto riguarda i film, adoro “Titanic” (l’ ho visto 8 volte) e in generale tutti i film di James Cameron, che considero un genio, ma adoro anche  l’ horror  e il thriller, con “The Ring” , “Saw l’ Enigmista”, “Hostel”, “The prestige” e “Batman – Il Cavaliere Oscuro” su tutti.
Ti ringrazio infine per le domande che mi hai rivolto, che mi hanno permesso di esprimermi su vari argomenti che mi stanno a cuore. Buon allenamento BIIOSystem® a tutti!

Share →

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>